Dizionario di patologia

Immunoistochimica (IHC)

immunoistochimica

Che cos'è l'immunoistochimica?

L'immunoistochimica (IHC) è un test speciale che i patologi eseguono su un campione di tessuto per aiutarli a fare la diagnosi corretta. Questo test consente ai patologi di evidenziare gruppi di cellule in base alle sostanze chimiche prodotte da tali cellule. L'immunoistochimica viene solitamente eseguita sul tessuto dopo il più comune H&E macchia è stata eseguita. Per questo motivo, questo test è considerato un test ancillare (un test che supporta altri test).

Come funziona l'immunoistochimica?

L'immunoistochimica funziona collegando una sonda (un anticorpo) alla sostanza chimica di interesse (l'antigene). È importante sottolineare che la sonda si attaccherà solo alle cellule che contengono la sostanza chimica di interesse. Una seconda sonda viene quindi aggiunta al tessuto che fa cambiare colore alle cellule contenenti l'iniziale chimica. Sono disponibili migliaia di sonde per identificare migliaia di sostanze chimiche diverse. Questa varietà consente ai patologi di distinguere tra cellule che altrimenti sembrano identiche.

Quando i test funzionano bene, solo le cellule che contengono la sostanza chimica di interesse dovrebbero cambiare colore. Se osservate al microscopio, le cellule bersaglio risaltano in netto contrasto con le cellule non colorate sullo sfondo. La maggior parte dei test immunoistochimici fa sì che le cellule bersaglio diventino marroni o rosse (vedi immagine sopra). L'immunoistochimica consente inoltre ai patologi di identificare proteine ​​specifiche che possono aiutare a prevedere il comportamento di una malattia o la risposta a farmaci come la chemioterapia.

Come saranno descritti i risultati di questo test nel mio rapporto?

Quando un test immunoistochimico identifica una sostanza chimica nel campione di tessuto, il risultato viene chiamato positivo o reattivo. Quando non viene identificata alcuna sostanza chimica, il risultato sarà descritto come negativo o non reattivo.​​ A volte verrà descritta anche la posizione della sostanza chimica all'interno della cellula. La colorazione citoplasmatica significa che la sostanza chimica è stata osservata all'interno del corpo o del citoplasma della cellula. La colorazione nucleare significa che la sostanza chimica è stata vista nel nucleo della cellula, la parte che contiene la maggior parte delle informazioni genetiche della cellula. Infine, la colorazione membranosa significa che la sostanza chimica è stata vista sulla sottile barriera che circonda l'esterno della cellula.

Marker immunoistochimici comuni descritti nei referti patologici

A+ A A-